Vie di somministrazione di CBD

Le vie di somministrazione del cannabidiolo maggiormente utilizzate si possono differenziare in due tipolgioie:

  • Via inalatoria utilizzando infiorescenze ad alto contenuto di CBD o estratti/cristalli di CBD sottoposti a vaporizzazione. La vaporizzazione offre tutti i vantaggi della somministrazione per via inalatoria (onset rapido, titolazione accurata) evitando i rischi connessi al fumo. NON SI POSSONO vaporizzare gli oli al cbd contenenti oli come oliva, mct.
    La vaporizzazione tramite sigarette elettroniche di liquidi contenenti oli minerali come il tocoferolo acetato può causare la polmonite lipidica, patologia altamente pericolosa. Bisogna evitare la vaporizzazione di qualsiasi liquido contente oli minerali. Si possono però vaporizzare estratti puri (senza aggiunti i oli) o cristalli di CBD, è sempre consigliabile verificare i solventi residui utilizzabili per evitare di inalare sostanze tossiche (evitare la vaporizzazione dei cristalli
  • Orale/oromucosale/sublinguale
    La biodisponibilità del Cannabidiolo somministrato per via orale è stimata sul 6%, dovuto all’effetto del metabolismo di primo passaggio che la molecola subisce.In uno studio su volontari sani, dopo la somministrazione orale di 600 mg è stata rilevata a 1, 2, 3 ore una concentrazione plasmatica di CBD rispettivamente pari a 0.36 (0.64) ng/mL, 1.62 (2.98) ng/mL e 3.4 (6.42) ng/mL.Il CBD è ampliamente metabolizzato dal fegato. La prima metabolizzazione porta all’idrossilazione con formazione del 7-OH-CBD che è successivamente metabolizzato in altri metaboliti eliminati per via urinaria e fecale.Questa bassa biodisponibilità porta a dover assumere dosi elevate di principio attivo per poter raggiungere la finestra terapeutica desiderata.Con la somministrazione del cannabidiolo per via sublingale o oromucosale si evita il sistema digestivo, quindi non viene metabolizzati attraverso il fegato. Ciò significa che si potrebbe assumere una dose più bassa e ottenere comunque gli stessi risultati della classica somministrazione orale.Studi hanno dimostrato che la somministrazione sublinguale potrebbe essere la migliore per quanto riguarda tempistiche di azione e concentrazioni plasmatiche del Cannabidiolo.

Per approfondire:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5576600/
https://cannabis-med.org/data/pdf/2003-03-04-4.pdf

Vuoi diventare o Serere?