Utilizzi del CBD

Gli utilizzi del CBD sono molteplici, per questo di consigliamo di approfondire gli studi sulle singole patologie attraverso la lettura della review: Pisanti, S., et al., Cannabidiol: State of the art and new challenges for therapeutic applications, Pharmacology & Therapeutics (2017).

http://dx.doi.org/10.1016/j.pharmthera.2017.02.041

PATOLOGIA

FUNZIONE

ALZHEIMER

Antinfiammatorio, antiossidante antiapoptotico in modelli in vitro e in vivo della risposta neuroinfiammatoria e neurodegenerativa indotta da β-amiloide

PARKINSON

Attenuazione del deficit dopaminergico in vivo; neuroprotezione; miglioramento psichiatrico, riduzione dell’agitazione, incubi e comportamento aggressivo dei pazienti

SCLEROSI MULTIPLA

Miglioramento dei segnali in modello murino di encefalomielite autoimmune, proprietà antinfiammatorie e immunomodulanti

EPILESSIA

Anticonvulsivante in vitro e in vivo; riduzione delle crisi epilettiche in bambini ed adulti farmaco-resistenti

MALATTIA DI HUNTINGTON

Poprietà neuroprotettive e antiossidanti in modellli murini transgenici

IPOSSIA-ISCHEMIA

Effetto neuroprotettivo a breve termine; inibizione dell’eccitotossicità, ossidazione e infiammazione su modelli murini

DOLORE

Effetto analgesico in pazienti con dolore neuropatico resistente ai trattamenti standard

ANSIA E SCHIZOFRENIA

Attenuazione dei cambiamenti della glia e comportamentali in modelli animali di schizofrenia; effetto antipsicotico in sintomi indotti da ketamina.
Riduzione della tensione muscolare, agitazione, fatica e problemi di concentrazione aumento delle interazioni sociali in modelli animali di ansia e stress; riduzione dell’ansia sociale nei pazienti

DEPRESSIONE

Effetti antidepressivi in modelli murini di depressione

CANCRO

Azione antiproliferativa in un ampio range di tipologie di cancro; apoptosi cellule tumorali autofagi-mediata; effetti chemopreventivi

NAUSEA

Riduzione nausea in modelli murini

INFIAMMAZIONE

Proprietà antinfiammatorie in modelli in vitro e in vivo, inibizione delle citochine infiammatorie e della loro pathway

ARTRITE REUMATOIDE

Inibizione del TNF-α in modelli animali

INFEZIONI

Attività contro Staphylococcus aureus meticillino resistente

INFIAMMAZIONE INTESTINALE E MORBO DI CHRON

Inibizione del TNF-α in vivo e ex-vivo; riduzione dell’attività patologica nei pazienti affetti da morbo di Chron

PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI

Riduzione della dimensione dell’infarto attraverso l’attività antinfiammatoria e antiossidante in vitro e in vivo

COMPLICAZIONI DIABETICHE

Attenuazione fibrosi e disfunzione miocardica

Quando si utilizza il cannabidiolo per scopi terapeutici è importante anche controllare e attenersi al dosaggio di CBD consigliato dal proprio medio.

Accetto al trattamento dei dati come da informativa sulla privacy

Vuoi diventare o Serere?